Il giorno del “Cobra” – iniziato con l’annuncio ufficiale del suo ingaggio da parte del Lugano – è continuato con la prima sgambata con i nuovi compagni di squadra e con la conferenza stampa di presentazione

Inizialmente la parola viene presa dal Presidente Angelo Renzetti, il quale afferma di aver “approfittato delle condizioni del contratto che Marc ha firmato in precedenza con i cechi. È un’impresa averlo portato qua da noi. Ora inizia il difficile, abbiamo uno spogliatoio che è pronto ad accoglierlo, perché sapeva cosa andava a trovare. Le aspettative sono alte, è chiaro. Dobbiamo essere consapevoli che Marc deve adattarsi. Lui ha voluto fortemente venire qua. Vi racconto un aneddoto: la scorsa stagione a Basilea, quando lui è uscito prima dal campo, gli avevo chiesto di venir a Lugano. Adesso ce l’abbiamo fatta!”.

Marc Janko, che ha sposato la causa bianconera dopo sei mesi anonimi passati nelle fila dello Sparta Praga, si è presentato così: “La prima impressione è stata molto buona, sono molto contento di essere do un ambiente che mi apprezza. Dal primo istante il mio sentimento è stato positivo. È come essere in una grande famiglia”.

“Sono rimasto impressionato dalla partita di domenica. La squadra ha grande potenziale. La prima cosa sarà la salvezza, poi ciò che verrà dopo è un più”.

“La pressione? In tutti i club in cui ho giocato, la gente si aspetta gol da parte mia. Gli ultimi sei mesi ho giocato poco. Chiedo un po’ di pazienza nei miei confronti, però voglio essere parte del team il più in fretta possibile. Non voglio essere la star della squadra, gli obiettivi si raggiungono tutti insieme”.

“Con lo Sparta non ho potuto inserirmi al meglio in quanto già subito sono stato colpito da un virus, che mi ha fatto perdere parte della preparazione. A Praga non era una situazione semplice, anche perché gli ultimi tre mesi li ho passati in tribuna”.

“Le partite con il Lugano, ai tempi del Basilea, erano sempre complcate. Le impressioni avute dopo la vittoria di domenica erano molto positive. Come squadra dobbiamo giocare come al “St. Jakob-Park”: solo così potremo raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati”.

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

Lucerna, dopo il trambusto di ieri due annunci: un... Marco Rüedi - © regiofussball.chIl "day after" l'esonero del tecnico René Weiler, il Lucerna ha annunciato un rinnovo e un nuovo arrivo Si tratt...
Calciomercato, l’Arsenal pronto a inserire u... Eray Cömert - © FreshFocus/sport.chLa bomba di mercato è stata sganciata Oltremanica: nel corso della prossima sessione estiva, l'Arsenal sarà pr...
Lugano, il giallo di sabato pesa come un macigno: ... Il cartellino giallo rimediato nell'unico minuto di recupero del primo tempo della Swissporarena costerà a Fulvio Sulmoni la disputa della partita d...
ITA-C, Masciangelo (ex-Lugano) stavolta viene colp... Nella partita valida per la 27a giornata del Girone A di Serie C la Juventus Under 23 è incappata in una sconfitta in casa del Robur Siena Allo Sta...
Lugano, Renzetti ha deciso: la cessione del club s... Angelo Renzetti - © FreshFocus/sport.chIl 31 marzo 2019 è la data limite posta da Angelo Renzetti riguardo la vendita della società. Il giorno do...
RSL, la sconfitta con il Lugano costa cara: il Luc... René Weiler - © FreshFocus/sport.chLa netta sconfitta casalinga di ieri sera subita per mano del Lugano è costata il posto a René Weiler Con un ...
Lucerna-Lugano, la moviola: direzione autoritaria ... Non c'è stato solamente il Lugano a mettersi in mostra alla Swissporarena. Anche il direttore di gara è stato tra i protagonisti del match Adrien J...
Lugano, l’analisi post-Lucerna: il gruppo me... Il Lugano è tornato al successo grazie all'unità di un gruppo che, ultimamente, ha lavorato ancor di più per cercare di porre fine alla striscia di ...
Lucerna-Lugano, Weiler: “La situazione è neg... René Weiler - © FreshFocus/sport.chRené Weiler, tecnico del Lucerna, non perde la calma, nonostante il terzo kappaò in altrettante partite dall'i...
Lucerna-Lugano, Celestini: “Stavolta gli epi... È un Fabio Celestini, ovviamente, entusiasta quello che si presenta nel post-partita della Swissporarena. Il largo successo aumenta il gap dalla zon...