Interessante intervista a mister Di Manno, allenatore/formatore della U15 del Team Ticino.

Conosciamo meglio uno dei più navigati allenatori presenti al TeamTicino: Enrico Di Manno. Un vero e proprio formatore e oggi allenatore della U15.

Enrico, da quanto tempo sei al Team e che tipo di percorso hai fatto?

Sono tra i veterani ormai, è 11 anni che lavoro con i giovani qui a Tenero. Nel tempo ho scelto di specializzarmi con i ragazzi dell’U15 e dell’U16. Inoltre formo tutti gli attaccanti: dalla U14 alla U18.

Che cosa significa lavorare con gli adolescenti?

È piuttosto complicato. Bisogna avere tanta pazienza e passione e devi veramente apprezzare lo stare insieme a loro, perché in cambio ricevi molte soddisfazioni.

Quali i problemi che riscontri?

Direi che tra le problematiche frequenti ci sono le aspettative che hanno i ragazzi. A volte vanno oltre le loro possibilità e si caricano di pretese che sono irraggiungibili. È sicuramente giusto avere degli obiettivi ma questi devono essere realizzabili. Io cerco di trasmettere anche questo messaggio. Detto ciò è comunque importante sottolineare che tutti i ragazzi del Team, durante questo percorso, conoscono un miglioramento importante.

Quanto conta la psicologia nel rapportarsi con loro?

Molto. Infatti questo lavoro è cambiato negli anni e quindi oggi non sei più solo il mister, ma anche una sorta di secondo padre e uno psicologo: è un lavoro a 360 gradi. Ognuno ha la sua testa, il suo modo di fare e il suo carattere e da parte mia cerco di capire i loro problemi, i loro stati d’animo e spiego che il calcio non è l’unica attività che esiste nella vita.

Che tipo di allenatore sei?

Credo di essere piuttosto tranquillo. Sono stato definito “il formatore” ed è un termine che mi piace e mi si addice. Mi stimola lavorare con loro sia sotto il profilo psicologico sia sotto quello fisico. Negli anni credo di aver fatto abbastanza bene portando fino agli U18 diversi giocatori che sono migliorati e cresciuti partendo dalla seconda squadra dell’U15.

Ci sono dei punti di riferimento?

Non credo, ogni allenatore ha il suo modo di fare e preferisco non copiare da altri. Credo tu debba valorizzare i tuoi punti forti e il tuo carattere per far passare gli insegnamenti che vuoi trasmettere.

Fai parte degli allenatori che adeguano il modulo al tipo di giocatori o viceversa?

A dire il vero non credo nei moduli, ma nei giocatori. Oltretutto, in queste categorie, non siamo ancora così rigidi sugli schemi da seguire. Certo, abbiamo dei movimenti che cerchiamo di insegnare ai ragazzi e proviamo a far passare il messaggio nel miglior modo possibile, ma senza essere categorici. Preferisco che trovino la loro maniera di esprimersi in campo.

Chi vuole fare il tuo percorso quali caratteristiche deve avere?

Anzitutto deve essere un formatore e avere la passione e il piacere di lavorare con i giovani. Con tutti i problemi, come detto prima, che questo comporta. I ragazzi a quest’età hanno molti cambi d’umore, hanno continui alti e bassi e gli ormoni che corrono veloci. Per questo il formatore deve avere la pazienza di aspettarli e soprattutto essere sempre corretto e onesto, anche perché sono molto svegli e non sfugge loro nulla. In definitiva è fondamentale riuscire a capire il ragazzo e insieme a lui far uscire il massimo del suo potenziale.

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

CCJL Allievi C: controsorpasso del Rapid Lugano, L... L’Acf Ticino perde la categoria, retrocessione matematica dopo tre partite; il Sassariente sorprende il Chiasso Nella seconda giornata dei playof...
CCJL Allievi B: la Selezione Locarnese chiude al 5... Il Bellinzona ha nuovamente rinviato per impraticabilità del campo lo scontro diretto con il Team Rontal che vale il secondo posto della classific...
CCJL Allievi A: Lugano campione d’inverno, ma anch... Il Lugano di mister Manzo si laurea campione d’inverno, bianconeri premiati dalla speciale classifica fair play. Il Lugano batte il Chiasso 2-0 e...
Coca Cola Allievi A: Taverne, mister Marrazzo “c’è... Salvezza abbastanza tranquilla per il Taverne che in primavera disputerà ancora il campionato Coca Cola A, ma nonostante tanta qualità alle volte ...
Team Ticino, bella vittoria della U15 Academy L’Academy vince in trasferta e prenota le finali di Coppa Svizzera. Mentre la U15TT e la U16 erano impegnate in due amichevoli di prestigio contro ...
Team Ticino, prima giornata con 110 allenatori a T... Si è svolta ieri mattina la prima delle due giornate organizzate dal Team Ticino e dalla FTC per gli allenatori ticinesi con il metodo Fil Rou...
CCJL allievi B: al Bellinzona serve una vittoria p... Il Mendrisio chiude in bellezza rifilando 5 gol al Raggruppamento Chiasso, oggi scende in campo la Selezione Locarnese senza preoccupazioni di cla...
CCJL allievi A: domani Lugano-Chiasso, ne resterà ... In campo per i recuperi anche Losone (già salvo) e Bellinzona (sicuro del terzo posto), ma le due ticinesi non hanno più grosse ambizioni di class...
Lugano-Chiasso, annullata la conferenza stampa con... © FC LuganoIn una nota congiunta, Lugano e Chiasso annunciano di aver annullato la conferenza stampa prevista per questo primo pomeriggio "È inf...
Team Ticino, l’Assemblea termina con un null... L'Assemblea del Team Ticino, svoltasi nella sede della Federazione Ticinese di Calcio a Giubiasco, non ha portato ad alcuna decisione in merito alla...