Susanne Küng (a sinistra) ed Esther Staubli (al centro), le uniche svizzere presenti ai prossimi Mondiali di calcio femminili – © football.ch

Gli imminenti Campionati del Mondo femminili, in programma in Francia dal 7 giugno al 7 luglio, vedranno coinvolte, tra le altre, due direttrici di gara elvetiche

Per la prima volta in una competizione femminile, gli arbitri potranno contare, per i casi dubbi, sul VAR (Video Assistant Referee). Alla preparazione della competizione hanno partecipato Esther Staubli e Susanne Küng, che rappresenteranno il nostro Paese in qualità di “giacchette nere”.

Nel corso degli ultimi tre anni, Susanne Küng si è preparata con intensità al più grande evento planetario possibile. In qualità di assistente arbitrale ha vissuto delle esperienze al Mondiale Under 17 in Giordania nel 2016 e al recente Mondiale Under 20 in Francia dello scorso anno. A dicembre 2018 è giunta la convocazione tra le 27 direttrici principali e le 47 guardalinee. «È stata una grande gioia e un sollievo. Ogni mia prestazione è stata ricompensata. In più, sono state tenute contro degli allenamenti e della preparazione fisica», ha affermato Küng.

Esther Staubli, dal canto suo, si appresta a fischiare il suo terzo torneo consecutivo dopo quello di Germania 2011 e Canada 2015. Come punti più alti della sua carriera l’agronoma bernese, 39 anni, ha diretto la finale di UEFA Women’s Champions League nel 2015 (con le connazionali Susanne Küng, Belinda Pierre Brem e Désirée Grundbacher) e l’atto conclusivo degli Europei del 2017 in Olanda.