© football.ch

Nel corso dell’ultimo incontro di qualificazione alla fase finale dei Campionati Europei femminili Under 17, Svizzera e Russia hanno chiuso l’incontro con un elemento in meno, ma è un altro fatto a destare preoccupazione, soprattutto pensando alla giovane età delle protagoniste

Allo scoccare del minuto 51, la nazionale rossocrociata, già in vantaggio 2-0, si è vista concedere un calcio di punizione nella zona di centrocampo. A questo punto, la calciatrice russa Pamen Tchato prende il pallone tra le mani, scatenando l’ira funesta della 16enne elvetica Ella Ljustina, che reagisce come peggio non avrebbe potuto, con un calcio alla sovietica, che risponde con un pugno.