Una vittoria sarebbe stata la giusta ricompensa, ma un po’ di imperizia e un po’ di imprecisione sono state le pecche dei bianconeri nel corso di una ripresa giocata all’attacco

Noam Baumann – 3,5 – praticamente inoperoso per tutto l’incontro, si merita una lieve insufficienza per l’indecisione che non gli permette di allungarsi a dovere sul tiro di Djuricin;

Numa Lavanchy – 4 – l’ex di turno disputa una partita ordinaria, pensando più a difendere che ad attaccare. Dà tutto ciò che ha in corpo ed è per questo motivo particolare che piace il suo atteggiamento;

Ákos Kecskés – 3,5 – deve crescere ancora molto. Spesso, con il pallone tra i piedi appare spaesato, non sapendo cosa fare e, di conseguenza, come agire;

Mijat Marić – 4,5 – è il leader incontrastato del reparto arretrato. Dalle sue parti non si passa, perché, oltre all’esperienza, si impone con la caratteristica fisicità;

Dragan Mihajlović – 4,5 – più propositivo del suo dirimpettaio di destra Lavanchy, il 91 offre ottimi cross ai compagni, i quali non riescono ad approfittarne pienamente;

Mario Piccinocchi – 3,5 – è all’origine del gol zurighese con un errore in impostazione, dovuto alla superficialità di concentrazione. Migliora con il passare dei minuti, ma l’infortunio del 13′ resta indelebile;

(70′ Petar Brlek – s.v. – gli ultimi venti minuti in cui non fa la differenza);

Jonathan Sabbatini – 5 – il capitano è presente in ogni zona del campo. Da una sua azione prolungata nasce la rete del pareggio. Il centrocampo non può fare a meno di lui;

Bálint Vécsei – 4 – partita senza acuti per l’ungherese, che, pur provando a farsi valere, non trova mai il guizzo giusto;

Mattia Bottani – 3,5 – il suo è un incontro di sacrificio, ma, quando deve utilizzare le sue armi (la tecnica su tutte) si perde in un bicchier d’acqua. Esce con il muso e, alla fine (le immagini televisive confermano), non osserva gli ultimi minuti, preferendo tenere gli occhi sul cellulare…;

(64′ Armando Sadiku – 4 – il suo tiro, deviato da un difensore, non inganna di un nulla Lindner, che respinge solo con la punta del piede sinistro);

Carlinhos Junior – 5 – segna un gol da vero rapace dell’area di rigore. Se ne mangia un altro, mandando alto di testa da un metro. Nonostante tutto, è molto mobile e le prova tutte;

Alexander Gerndt – 4 – quando non segna, il Lugano non vince. È un dato stagione appurato. Peccato, perché la chance di gonfiare la rete se la ritrova sul suo piede preferito…;

Fabio Celestini – 4,5 – è una media tra un primo tempo all’ “acqua di rose” (in particolare i primi venticinque minuti circa) e un vigoroso secondo tempo. I suoi ragazzi gettano alle ortiche un successo, che dovrà arrivare a tutti i costi mercoledì in casa contro il Neuchâtel Xamax.

METTI "MI PIACE"
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

Zurigo, la conquista della salvezza non passerà da... Hekuran Kryeziu (a sinistra), qui in contrasto con il bianconero Numa Lavanchy - © Keystone/FCZ Lo Zurigo dovrà cercare di conquistare la salvezza...
Ivo Frosio e Karl Grob, in tre giorni il mondo del... Karl Grob - © Keystone/FCZ Giovedì 18 aprile era toccato a Ivo Frosio lasciare il mondo terreno, sabato 20 è stato raggiunto da Karl Grob. Nel bre...
Grasshopper, Uli Forte: “Finché c’è vi... Uli Forte - © Keystone/gcz.ch La situazione sportiva del Grasshopper, con l'ultimo posto in solitaria in Raiffeisen Super League, è drammatica. Tu...
Lugano, Angelo Renzetti e un 65° compleanno da fav... Fabio Celestini (a destra), a fianco del patron bianconero Angelo Renzetti - © fclugano.com La 30ª giornata di Raiffeisen Super League, che si chi...
Zurigo, Magnin incassa la fiducia di Canepa: ̶... © Twitter FC Zürich A seguito del pesante kappaò rimediato a Cornaredo venerdì sera, la posizione di Ludovic Magnin è sempre più in bilico I tant...
Lugano, la società bianconera replica e invita i t... Dopo il successo riscontrato a Basilea, la società bianconera replica e invita i propri sostenitori a seguire i ragazzi nella trasferta in casa dei C...
FC Lugano, le ragioni del Pres!     Lugano balzo in avanti. Adesso si punta all'Europa Adesso ci vuole un piccolo capolavoro, le premesse ci sono tutte. Il Lugan...
RSL, Carlinhos Junior e Ricky van Wolfswinkel di n... Nei due anticipi del Venerdì Santo della 30ª giornata di Raiffeisen Super League hanno gonfiato la rete avversaria due calciatori che si trovano app...
Lugano, due calciatori bianconeri hanno visto gial... Nel corso della vittoriosa partita di ieri sera contro lo Zurigo sono stati due i calciatori del Lugano ammoniti dal direttore di gara Sandro Schäre...
RSL, Grasshopper-Thun, Forte: “Se vogliamo r... Uli Forte - © Keystone/gcz.ch La lanterna rossa Grasshopper non ha scelta: se vuole affrontare almeno lo spareggio promozione/retrocessione dovrà ...