In una partita difficile da decifrare a causa della quasi totale impassibilità mostrata dagli ospiti, i bianconeri non offrono uno spettacolo da rimembrare a lungo

Noam Baumann – 4 – è decisamente più attento e in palla rispetto a domenica. Compie almeno un paio di interventi determinanti per la conquista del punticino;

Ákos Kecskés – 3,5 – con il pallone tra i piedi, raramente imposta l’azione, preferendo sempre il più ovvio (e meno pericoloso) passaggio al centro ai compagni di reparto;

Mijat Marić – 4,5 – nonostante non venga praticamente mai messo in ambasce dagli attaccanti rossoneri, guida la difesa con l’immensa esperienza accumulata negli anni passati;

Fulvio Sulmoni – 4,5 – torna titolare dopo un po’ di tempo e dimostra tutto il suo valore, difendendo con ordine e tentando qualche sortita offensiva che avrebbe meritato miglior conclusione;

Numa Lavanchy – 3,5 – tanta corsa, d’accordo. Ma anche qualche pasticcio di troppo, che rendono la sua partita leggermente insufficiente;

Jonathan Sabbatini – 4,5 – il capitano c’è e si vede. Quando deve indicare la via da seguire, non resta che accordarsi al numero 14 con la fascia al braccio;

Bálint Vécsei – 3,5 – l’ungherese continua a essere un oggetto misterioso. Mai un cambio di marcia degno di nota, un fisico imponente che viene utilizzato con il contagocce. Prestazione anonima;

(76′ Miroslav Čovilo – s.v. – entra per provare a sfruttare i calci piazzati. Avrebbe bisogno di un po’ più di tempo per entrare in partita. Quindici minuti non sono sufficienti);

Domen Črnigoj – – nel primo tempo, sotto la tribuna principale, è l’esterno più servito. Nella ripresa, con la Monte Brè alle spalle, viene spesso dimenticato dai compagni di squadra;

Mattia Bottani – – prova in diversi modi a scardinare il muro avversario, ma, una volta superato un contraente, si perde in un bicchier d’acqua. Fortunatamente per lui, l’intervento-killer di Kamber nei minuti finali non lo colpisce;

Armando Sadiku – 3,5 – vuole fare e strafare, tentando la sorte da tutte le posizioni. L’albanese è fatto così, ci prova sempre e da qualsiasi angolo. Segna pure, ma gli viene fischiato un fallo e la rete viene, di conseguenza, annullata;

(69′ Marc Janko – s.v. – dispiace vedere un attaccante di questo valore entrare a venti minuti dal termine e non ricevere un solo pallone giocabile);

Alexander Gerndt – – la solita generosità non basta a produrre gol. Scialacqua come peggio non potrebbe l’unico vero contropiede che lascia lo Xamax nel corso della ripresa;

Fabio Celestini – – punto guadagnato o due punti persi? È questo il dilemma di una partita in cui i suoi ragazzi non riescono a fare la differenza al cospetto di un avversario ordinato e chiuso a riccio nei propri trenta metri.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

RSL, venerdì prenderà avvio la nuova stagione con ... Venerdì 19 luglio 2019 la Raiffeisen Super League inizierà il suo ciclo di partite ufficiali con lo scontro che metterà di fronte Sion e Basilea La...
Servette, anche Alain Geiger si accoda ai colleghi... Alain Geiger - © Keystone/Martial Trezzini/lenouvelliste.ch In un'intervista rilasciata alla NZZ am Sonntag il tecnico del Servette Alain Geiger h...
Chiasso, continua il rafforzamento della rosa: dal... Merlin Hadzi - © FC Chiasso A poco meno di una settimana dall'inizio del nuovo campionato, il Chiasso ha ufficialmente annunciato di essersi assic...
Lugano, l’analisi post-Inter: a preoccupare ... La partita con l'Inter, valida per la Casinò Lugano Cup 2019, ha mostrato un Lugano tanto, forse troppo, rispettoso del più blasonato avversario, ch...
Lugano, la certezza che si sta dimostrando tale ri... Già lo si era notato nel corso del girone di ritorno della passata stagione. In questo pre-campionato se ne è avuta la certezza: Noam Baumann è un e...
Amichevoli, il debutto di Valon Behrami non cambia... © Everton FC Impegnato nell'ultimo test pre-stagionale, il Sion ha collezionato il quinto pareggio in altrettante partite Di questi, ben quattro ...
Casinò Lugano Cup, mister Fabio Celestini: «Mi sar... Nonostante ci sia sempre qualcosa da migliorare, il tecnico bianconero Fabio Celestini vede il bicchiere mezzo pieno al termine della sfida amichevo...
Casinò Lugano Cup, il Lugano è troppo rispettoso (... L'edizione 2019 della Casinò Lugano Cup viene conquistata dall'Inter, che supera il Lugano 2-1 Nonostante la differenza di condizione atletica, i n...
Calciomercato, mentre avvia i contatti con Pajtim ... Michael Frey - © Twitter Fenerbahçe SK Dopo un solo anno in Turchia, Michael Frey potrebbe lasciare il Fenerbahçe, che dal canto suo ha avviato de...
Amichevoli, la «Fescht im Joggeli» va di traverso ... © FC Basel 1893 Nel quadro della Fescht im Joggeli per il 125° di fondazione delle due società, Basilea e Stoccarda hanno dato vita a un incontro ...