Marco Wölfli nel 1999 (a sinistra) e oggi (a destra) – © BSC Young Boys

La storia d’amore tra Marco Wölfli e lo Young Boys sembra una novella d’altri tempi. A parte una stagione (2002-2003) trascorsa in prestito a Thun, il 37enne è sempre rimasto fedele ai colori gialloneri, che ricoprono la sua pelle dal 1° luglio 1998, giorno in cui venne inserito nella U18 in provenienza dal settore giovanile del Soletta, club della sua città natale

Dalla prima apparizione di Marco Wölfli per l’YB, datata 9 ottobre 1999, sono passati, come ricorda la società confederata in un articolo celebrativo apparso sul suo sito web ufficiale, ben 6’776 giorni. Allora, i gialloneri giostravano in Lega Nazionale B e giocavano i loro incontri casalinghi al Wankdorf. Quel giorno l’avversario era lo Stade Nyonnais, gli spettatori presenti 2’050 e il 17enne portiere fece il suo debutto. La sua presenza in campo era dovuta al fatto che il titolare Slaven Matan era stato convocato dalla Nazionale U21, mentre Paolo Collaviti era infortunato. Il numero due risultava dunque Martin Salzgeber.

La partita non iniziò in maniera ottimale per il giovane calciatore, dato che dopo appena quattro minuti aveva dovuto recuperare il pallone in fondo alla propria porta. In seguito, lo Young Boys ribaltò il punteggio e venne rimontato, ma al secondo minuto di recupero decise la contesa a proprio favore. La prima di Wölfli con la maglia giallonera sulle spalle terminò dunque con una vittoria. Nel 1999, quel gruppo poteva contare anche sull’apporto di Martin Fryand, l’attuale preparatore atletico bernese.

Potrebbero interessarti anche queste notizie: