Il 3-0 con cui il Lugano è tornato da Thun porta la firma di Marco Aratore, Mattia Bottani e Fabio Daprelà. Tuttavia, è stata la prestazione collettiva a destare parecchia soddisfazione in casa bianconera, tanto da rendere complicata la decisione degli elementi da far salire sul nostro consueto «podio dei migliori»

Noam Baumann – oramai ci ripetiamo: compie due interventi provvidenziali nel breve volgere di due secondi al minuto 27. Il palo lo salva in altrettanti occasioni (una nel primo e una nel secondo tempo). È sempre «sul pezzo», non permettendo ai biancorossi di superarlo. Avanti così, il suo futuro sarà senza ombra di dubbio in un top club – voto: 5.

Carlinhos Júnior – la pausa dedicata alle selezioni nazionali gli ha giovato, e parecchio. Nonostante non sia riuscito a trovare la rete personale è dappertutto e mette in ambasce i vari dirimpettai bernesi, che ammattiscono quando il carioca si inventa dei dribbling ubriacanti. Gli manca solo il gol. Ma siamo certi che arriverà molto presto – voto: 4,5.

Mattia Bottani – d’accordo, segna una rete che, per un calciatore della sua classe, è un gioco da ragazzi. Però, occorreva farsi trovare al posto giusto al momento giusto e approfittare di un’eventuale infortunio del portiere. E così è stato. Da attaccante centrale, il numero 10 spreca meno energie e risulta più pronto a cogliere l’occasione – voto: 4,5.