Incroci (quasi) decisivi in questo pomeriggio

Nel campionato senza respiro, ricordiamo tre turni in sette giorni, se ne sono andate già due partite relative alla giornata numero ventinove. A Zurigo, il Grasshopper ha confermato tutta la sua crisi uscendo battuto dal confronto contro il San Gallo (1-2) che sua volta consolida il terzo posto aspettando la giocata del Lucerna contro il Sion.

L’esordio dei due nuovi allenatori, Abascal e Walther, non è stato positivo. Il Lugano doveva prendersi con forza i tre punti e invece ha dovuto dividersi la posta in palio contro un Thun, tutto sommato, poco in partita.
Così va il calcio. Non sempre il cambio del  tecnico porta i risultati sperati se non hai a disposizione giocatori all’altezza della situazione.

Nel pomeriggio il campionato continua. Il Lucerna e il Basilea aspettano  Sion e Losanna per un pericoloso testa-coda.
A Berna si contano i giorni per esplodere di gioia. In un’analisi fatta dal quotidiano della Capitale lo Young Boys potrebbe essere Campione già dal prossimo turno a Thun se i gialloneri prendessero sei punti e il Basilea perdesse sia oggi che mercoledi…

Allo Stade de Suisse – non ci sarà sold out ma poca ci manca –  arriva lo Zurigo  battuto con un netto tre a zero mercoledi nel recupero a Basilea. La partita per i capoclassifica non sarà una passeggiata nonostante il brutto momento dei tigurini.

I gialloneri nelle ultime uscite hanno dato segni di stanchezza in difesa lasciando spazi agli attaccanti avversari e  oggi mancheranno Nuhu (squalificato) e Sow (infortunato). In forte dubbio anche Lotomba. Hutter dovrà rivedere la sua formazione spostando al centro della difesa Benito e inserendo Wutrich sulla fascia e  Bertone a centrocampo.

Young Boys vicino a un altro traguardo: quello dei 1.000 gol. Infatti da quando esiste la Super League (dal 2003) i bernesi hanno segnato 998 gol: un altro traguardo da raggiungere…