L’esordio stagionale bagnato con un fantastico poker rifilato allo Zurigo fa sorridere, come giusto che sia, i bianconeri, i quali sono però coscienti che si tratta di un primo piccolo passo in un’annata lunga e piena di insidie

Al termine del duello con i tigurini, i protagonisti in casa Lugano si sono presentati davanti ai microfoni per valutare la prima prestazione del nuovo campionato.

Ákos Kecskés (difensore): «È davvero bello iniziare la stagione con una vittoria, che ci ricompensa dell’intensa preparazione estiva. Oggi [ieri, ndr] in difesa siamo stati organizzati e offensivamente abbiamo sfruttato le opportunità da rete che ci siamo creati. È però solo il primo successo. Ora, ci attendono molte sfide complicate, sia in campionato che in Europa League».

Fabio Celestini (allenatore): «All’inizio abbiamo lasciato troppe occasioni ai nostri avversari, i quali avrebbero potuto punirci. Grazie alle sue prodezze, però, Noam Baumann ci ha permesso di rimanere in gioco. Poi, sono molto contento della prestazione fornita dalla mia squadra e con due nuovi arrivati [Marco Aratore e Francísco Rodríguez, ndr], che hanno coronato il loro debutto con una rete a testa. Una vittoria del genere ci infonde fiducia per le prossime, complicate, partite».