L’edizione numero 21 verrà ricordata anche per l’introduzione dell’aiuto tecnologico ai direttori di gara

Il sistema VAR (Video Assistant Referee) è entrato in scena nella rassegna russa, non deludendo le aspettative. Sono state parecchie le situazioni “rivedibili” valutate diversamente una volta consultate le immagini televisive.

Gli arbitri sono stati assistiti da un gruppo di colleghi, insediati nella cosiddetta ‘VAR Room’ e ai quali non è sfuggita alcuna azione che avrebbe potuto influire sui risultati.

L’importanza di aver introdotto la tecnologia in diversi campionati di tutto il pianeta ha senza dubbio aiutato la FIFA a proporla già nel torneo appena concluso.

È stata una delle tante scommesse vinte, perché con il VAR sono diminuiti a dismisura gli errori che sarebbero rimasti tali con il solo ausilio dell’occhio umano.

In un mondo tecnologico come quello in cui stiamo vivendo non si può fare a meno dei vari replay, dei rallentatori e quant’altro. La tecnologia ha sempre più peso nelle nostre decisioni. In futuro sarà ancora così e verrà portata all’estremo. Per evitare di sbagliare è inevitabile affidarsi a ciò. E il mondo del calcio ne è assolutamente cosciente.