Per la Croazia quella contro la Francia rappresenterà la prima finale di una rassegna iridata. Zlatko Dalić chiede ai suoi ragazzi una cosa in particolare: divertimento

“I giocatori sanno cosa rappresenta questa finale – asserisce il 51enne bosniaco -. Tutti mi dicono con sincerità se si sentono al 100% oppure no. Sono pronti a lasciare il loro posto, nel caso in cui non potessero giocare. So che me lo direbbero”.

“In questo momento non insistiamo molto sulle varie sequenze tattiche in allenamento. Serve semplicemente riposarsi e ritrovare la freschezza necessaria. Se un calciatore non si sente pronto, abbiamo delle opzioni eccellenti pronte a subentrare”.

“Per un giocatore o per un allenatore non c’è miglior momento di una finale della Coppa del Mondo. Indipendentemente dal risultato finale, saremo contenti e orgogliosi del nostro percorso. Poco importano le statistiche e l’avversario che incontriamo. Non abbiamo mai battuto la Francia. I ragazzi dovranno divertirsi, senza mettersi addosso una pressione supplementare”.