Oggi parliamo dei numeri uno, ovvero i portieri. “Un eroe non ha bisogno di un mantello, ma solo di un paio di guanti”.

Si tratta di un ruolo fondamentale, con delle dinamiche diverse, e molto affascinante. Riportiamo una bella intervista del Team Ticino a Riccardo Di Benedetto, mister dei portieri. Una chiacchierata tra passato, presente, tecnologia e ricordi. La soddisfazione più grande? Di Benedetto non ha dubbi: “la convocazione in Nazionale di un mio ragazzo…”. Buona lettura

• Quali qualità deve avere un portiere?

Un portiere deve avere un insieme di qualità; date per scontate le qualità tecniche e tattiche, la qualità che ritengo fondamentale è l’aspetto mentale. Per esempio come un estremo difensore reagisce dopo un errore. Nell’immediato deve riuscire a dare sicurezza ai propri compagni.

• Il calcio è un gioco di squadra, ma il portiere è solo. È vero che è un ruolo completamente diverso dagli altri? Perché?

Il portiere si sente a tutti gli effetti parte della squadra sapendo che il suo ruolo è determinante ai fini del risultato ed è consapevole che un minimo errore può costare caro. È quindi corretto che in determinati momenti si senta “solo” all’interno di un gruppo che non può fare a meno di lui. Io lo reputo il ruolo più completo del gioco del calcio…

• Tu come allenatore del Team Ticino usi la tecnologia per allenare i tuoi ragazzi? Quali?

Certo! Rispetto a quando giocavo i metodi di allenamento sono notevolmente cambiati, l’utilizzo della tecnologia e di mezzi ausiliari sono all’ordine del giorno senza però dimenticare che in campo si va come tanti anni fa. Al Team Ticino, assieme al mio collaboratore Fausto Gargiulo, utilizziamo la video analisi per rivedere le giocate. Utilizziamo anche altri mezzi come lo scudo per simulare le deviazioni e degli occhiali stroboscopici per allenare la concentrazione, i riflessi e la tecnica. Senza dimenticare i test fisici di forza esplosiva che ci permettono di valutare i progressi fatti in allenamento.

• Cosa prova un portiere quando subisce un gol?

L’obiettivo di ogni portiere quando entra in campo è quello di non subire goal, ma questo non è sempre possibile anche perché sennò le partite finirebbero tutte 0 a 0. Ovviamente ogni rete incassata è diversa e le componenti in gioco cambiano in base alla situazione. L’importante è sempre reagire e pensare al prossimo tiro…

• Chi è oggi per te il miglior portiere?

Difficile dirlo, ce ne sono parecchi molto bravi, anche se i due miei portieri preferiti al momento sono Alisson e Sommer. Due portieri completi sia in fase difensiva che in fase offensiva, con grande personalità nei momenti più delicati e spesso decisivi con interventi importanti.
Non dobbiamo dimenticare che i portieri svizzeri sono molto bravi, basti pensare che oltre a Sommer altri tre militano in squadre importanti della Bundesliga.

• È vero che un portiere deve essere un po’ folle?

Io penso proprio di sì, ognuno a suo modo, chi più estroverso, chi meno, ma per intraprendere la carriera del portiere bisogna avere tanto coraggio e delle spalle molto larghe.

• Qual è il tuo ricordo sportivo più bello?

Da calciatore ho tanti bei ricordi e aver avuto la possibilità di fare il professionista lo considero un onore, mi ricordo molto bene le vittorie ottenute quando ero allievo D con il Bellinzona (Coppa e campionato svizzero), mentre da adulto le due promozioni in Challenge (che allora si chiamava ancora Lega Nazionale) con il Bellinzona e il Locarno e la promozione in Serie A con FC Wil. Inoltre ricordo con affetto una salvezza in B all’ultima giornata con il Locarno quando tutti ci davano per spacciati già a febbraio.

Da preparatore dei portieri, invece, quando un mio giovane portiere viene convocato nelle nazionali giovanili è motivo di grande orgoglio. Ma, se devo essere sincero, la soddisfazione più grande è quando incontri dopo anni ragazzi ormai diventati adulti e percepisci in loro molto rispetto nei mie confronti indipendentemente dalla categoria in cui giocano.

Condividi!
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Whatsapp

Anche questi articoli potrebbero interessarti:

Fil Rouge Swiss raggiunge 10000 followers! La pagina social in Facebook ha raggiunto 10000 followers in questi giorni. Creata solo un anno fa, la pagina di Filrougeswiss ha avuto un enorme...
Coca Cola B: Selezione Locarnese, mister Mozzetti ... Prima esperienza nei Coca Cola B per la Selezione Locarnese superata a pieni voti, anzi c’è un po’ di rammarico perché la classifica poteva essere...
Allievi B1: Insema, mister Porcu “tutto è iniziato... In primavera l’Insema giocherà nei Coca Cola B insieme a Lugano e Bellinzona, la squadra di mister Porcu si sta preparando a nuove sfide per scont...
Allievi B2-1: RAAV, mister Di Grazia “un girone au... Gli Allievi B del RAAV hanno rischiato di non iscriversi, poi l’avvincente duello con il San Zeno, la vicinanza di genitori e società, la bravura ...
Ottimo weekend per il Team Ticino Belle prestazione per le squadre impegnate in questo weekend. A riposo la U18, hanno vinto sia la U16 sia la U15, mentre la U15Academy, malgrado ...
Allievi A2: Bioggio, mister Tisat “i ragazzi sono ... Tre vittorie in tre partite playoff, solo così il Bioggio poteva ottenere la promozione negli A1, la squadra di mister Tisat ci è riuscita Grande...
Calcio a 5, l’AS Breganzona 1 vince la Coppa... Senza dubbio verrà ricordata come l'edizione dei Record quella della Coppa Ticino 2018 Categoria 13 anni, evento che si è disputato la scorsa. Do...
Team Ticino, bene le U15, meno bene le altre Un weekend abbastanza buono con due vittorie e due sconfitte. Bene i più giovani (Academy U15 e U15), più difficoltà, invece, per la U18 e la U16....
Team Ticino, seconda giornata Fil Rouge Swiss, anc... Seconda giornata per gli allenatori ticinese con la metodologia Fil Rouge Swiss.Anche ieri, circa 120 allenatori di tutto il Ticino calcis...
Allievi B1: Locarno Solduno a un passo dalla salve... L’Arzo ha ancora la possibilità di raggiungere la salvezza beffando al fotofinish la squadra di Cardoso: bisogna battere il Savosa Massagno questa...