Il provvedimento di sospendere i campionato cantonali dagli Allievi A ai D9 da parte della Federazione Ticinese di calcio ha trovato il giusto eco. Una sola settimana è ,forse, troppo poco, ma probabilmente la scelta effettuata dai vertici del calcio ticinese è dettata dal sistema di organizzazione interna che agli occhi dei soli spettatori può risultare banale.

E allora, tanto di cappello ai nostri rappresentanti che hanno incominciato a prendere seri provvedimenti nei riguardi di chi il puro gioco del calcio non sa manco che cosa è. Tanto di cappello alla nostra Federazione, coraggiosa e decisa nel difendere a spada tratta i nostri arbitri, sempre più in diminuendo e, ci viene da dire, per giuste ragioni.

Allenatori, bambini, ragazzi e genitori mettono a disposizione il proprio tempo libero per coltivare una passione sempre più malata da avvenimenti sgradevoli visti in TV, sui social o quant’altro. Negli ultimi anni abbiamo assistito a scene raccapriccianti all’indirizzo di arbitri, a volte, nemmeno maggiorenni. Persone, come noi, che hanno il CORAGGIO, perché di coraggio dobbiamo parlare, di mettere il fischietto in bocca e dirigere una partita tra ESSERI UMANI  per pura passione o per altri scopi.

Non è nemmeno una novità il fatto che nel nostro Cantone ci sia una carenza di arbitri e che, presto o tardi, ci ritroveremo a disputare e osservare partite senza un arbitro ufficiale. E ben ci sta, perché per una scazzottata tra genitori indecenti ci andiamo di mezzo tutti, ma soprattutto ci vanno di mezzo ragazzi ancora alle prime armi che vogliono soltanto divertirsi insieme ad amici.

Ci andiamo di mezzo tutti ed è giusto parlare al plurale, perché un tale gesto è soltanto uno dei tanti segnali di un calcio non più sano. Di un calcio malato che, per chi come noi e voi amati lettori, con noi non c’entra nulla. Si può mai arrivare al punto di sospendere la maggior parte dei campionato giovanili? Siamo davvero arrivati al punto di togliere un pallone tra i piedi a un ragazzino di 10 anni perché intorno al rettangolo verde ci sono personaggi/genitori che con i valori dello sport centrano ben poco?

 

Ti piace questo articolo? Condividilo qui con i tuoi amici sul tuo social preferito!
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Visit Us
Instagram
Whatsapp
YouTube
Seguici via Email
RSS